Pieve di Rosa in festa

Se un giorno vi capiterà di passare per Pieve di Rosa, sarà sicuramente per uno di questi motivi:

DSC_05851° Una mattina vi siete alzati dal letto belli belli e vi è venuta un’irresistibile voglia di un bagno sul Tagliamento, e questo è uno dei pochissimi paesi della zona ad esservi molto vicino.

2° Una delle passeggiate ciclabili passa proprio per di là, ma passata la piazzetta che affianca l’unica strada del paese avete tirato dritto.

3° Avete sbagliato strada…

Si, perchè Pieve di Rosa è veramente ai margini di tutto, dalle vie di comunicazione dei grandi paesi come Codroipo o Latisana, è un piccolissimo paese di pochissime anime, un’unica strada lo affianca. Ma come tutte le cose piccole, Pieve di Rosa ha una storia molto importante, come ha detto il sindaco del Comune ieri sera “è fatta di persone, nate dai sassi, siamo ancora qui”.

DSC_0599Il piccolissimo borgo si trova proprio a pochi metri dalle rive del Tagliamento, punto di riferimento nell’antichità perchè da qui si poteva guadare il fiume con una certa sicurezza e tranquillità, quando il fiume lo permetteva, Pieve sin dall’epoca romana fu principalmente questo, un luogo di passaggio, e magari di ristoro da un lungo viaggio. Ma il Tagliamento è un fiume, e i fiumi si sa non hanno sempre una vita tranquilla, perchè è capitato spesso che questo andasse in piena allagando i campi e distruggendo famiglie, lavoro, e le storie degli abitanti. Alcuni hanno tenuto duro, come i sassi, altri hanno preferito creare nuove storie, come Camino al Tagliamento, Straccis, Bugnins ecc. Questa è l’inizio di una nuova storia, che continua ancora oggi…

DSC_0600Nel 2008 un punto di riferimento quasi millenario per questi abitanti, la loro chiesa, chiedeva interventi improrogabili di restauro, poichè la chiesa e la religione sono quasi sempre il collante di queste comunità, i loro punti focali. Ma aspettare ancora avrebbe rischiato di perdere tanto, troppo, non osiamo dirlo. Dopo importantissimi lavori di restauro, dal tetto all’altare, dagli arredi e dipinti danneggiati dal tempo alla sagrestia, ieri la chiesa matrice di Pieve di Rosa ha innaugurato con la sua comunità, il suo vescovo Andrea Bruno, le comunità dei paesi vicini, il coro, i volontari, i sindaci di Bertiolo, Codroipo, Varmo, gli architetti, le autorità ecc, ha innaugurato il suo bellissimo vestito nuovo, pulito, elegante, chiaro, e ha fatto festa nella piazza del paese.

DSC_0591

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...