Ciao Corale Caminese

Ciao Corale Caminese
prendo questa occasione per ringraziarvi per essere stati in Canada a fare sentire la vostra bella Corale. La vostra Corale porta il nome di Camino nel mondo, noi vi ascoltiamo sul internet, il concerto di San Valentino, avete una lunga storia di 80 anni e più, avete fatto grandi sacrifici ma avete anche l’onore di belli ricordi.
Io vi auguro di continuare bene anche nell’avvenire come avete fatto nel passato.
Se io fossi rimasto in Italia sarei a cantare in vostra compagnia. Quando avevo 10 – 12 anniho cominciato a cantare la Seconda Pontificale col Parroco di San Vidotto, qui in Canada all’età di 90 anni vado ancora a cantare in chiesa Santa Maria Goretti. Il cantare fa bene anche per la salute.
Qui mando $800 alla Corale Caminese per fare un brindisi o uno spuntino a nome dei emigrati che vi ascoltano sul internet.
A tutti voi cordiali saluti MANDI CUR Giuseppe Benvenuto.

 

—————

Ci è pervenuta questa lettera dal signor Giuseppe qualche tempo fa, con la rispettiva donazione cui fa riferimento.

Il signor Giuseppe è un figlio di immigrati in Canada, uno dei milioni di Italiani che per varie vicende di vita hanno dovuto lasciare l’Italia ma che in Italia hanno lasciato il cuore. Giuseppe ci ha sentito cantare nel nostro viaggio di qualche anno fa in Canada, sentir cantare in friulano in posti così lontani non dev’essere certo cosa di tutti i giorni, e per chi ha pure radici friulane nel sangue sicuramente sarà stato emozionante, come per noi cantare in loro compagnia.

Che altro dire se non che siamo commossi dalle parole della lettera di Giuseppe, la terremo sempre nel cuore ogni giorno e in ogni posto cui porteremo un pezzetto della nostra terra, della nostra lingua e della nostra magnifica cultura.

GRAZIE!

 

Ancora tante novità all’orizzonte

Astronauta in vista ColorUna nostra corista si è attivata per la ricerca di una nuova divisa “estiva” e meno formale di quella bellissima che abbiamo inaugurato a San Valentino di quest’anno. Si tratta di una semplice “polo” di due colorazioni differenti per uomini e donne in cui vi sarà stampato il nuovo logo della Corale Caminese. Rinnovare l’estetica ci aiuta a rinnovarci dentro, a motivarci e sentirci più “Coro”, ma anche a distinguerci non solo per la qualità e la simpatia ma anche per lasciare un ricordo “visivo” in chi ci viene ad ascoltare.

….e magari per dire che a quasi 90 anni di vita della Corale i nostri amici coristi hanno ancora tanto da… cantare 😉

sabato 24 maggio 2014 – AZZANO X ore 20,30

sabato 24 maggio 2014 – AZZANO X ore 20,30 Teatro M. Mascherini

Incontro di Cori ospiti del coro Quatto Molini

e con la presenza del Coro Cima Verde di Vigo Cavedine (TN).

Programma: Sumer is – Già cantai – Innocenze di cjantà –Ay linda amiga – The gift to be simple-
Insalata italiana. IN DIVISA – I BRANI A MEMORIA

La Corale a Ceske Budejovice

Prosegue il racconto dei nostri 3 giorni a Ceske Budejovice…..

 

La sera del 26 Aprile siamo stati ospiti nella chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria di Borovany, un paesotto a circa 17 km da Ceske. Abbiamo replicato il concerto di Camino nella parte coro-organo aggiungendo il bellissimo “Insanae et vanae cure” di Haydn, nello stesso concerto hanno partecipato il coro Tàbor di Klokoty e la stessa corale di Borovany.

DSC_0682 DSC_0685

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DSC_0703

 

 

 

Un’ottima cenetta ha concluso la splendida giornata 😉

————————————————-

Domenica 27 alle ore 11,00 la nostra Corale ha cantato la S. Messa in ricordo della nostra amica ed ex corista Lucia Frappa nel Duomo di Ceske Budejovice. Una chiesa ed un organo a dir poco maestosi e meravigliosi. Cantare “Ciamin” di D. Liani a fine Messa fa sempre una forte emozione, altrettanta emozione e sorpresa ci ha fatto sentire parte della Messa e dell’Omelia in italiano.

DSC_0719 DSC_0726 DSC_0736

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la S. Messa e il ricordo della nostra amica Lucia abbiamo preso “armi e bagagli” per l’ultimissima tappa dei nostri “3 giorni”:

Cesky Krumlov

Cesky Krumlov dista 25 km a sud di Ceske, è una città dai tratti ancora fortemente medievali, dominata dal suo enorme e bellissimo castello del 1200. La visita al borgo e al Castello è stata purtroppo assai breve visto il tempo a disposizione e il tempo… meteorologico, grosse nubi già nel primo pomeriggio ci venivano incontro, giusto in tempo però per lasciarci vedere le vie più caratteristiche e i vari chiostri pittoreschi cittadini del Castello.

DSC_0744 DSC_0747 DSC_0748 DSC_0756 DSC_0757 DSC_0765 DSC_0770

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per mangiare, dei coristi hanno trovato (e consigliano) un’ottima pizza italiana da “Nonna Gina” appena fuori le mura 😉 😉 😉

 

 

La nostra prima uscita dell’anno “estera” finisce qua. Sono stati tre giorni baciati dalle emozioni contrastanti, dal campo di concentramento di Mauthausen al concerto, dalla Messa cantata alla Cattedrale di Ceske Budejovice alla visita di castelli tanto grandi quanto belli. La pioggia ci ha accompagnato solo per il viaggio di rientro.

I ringraziamenti sono some per ogni esperienza tantissimi, da chi ci ha permesso di soggiornare in questa splendida città, ai familiari di Lucia Frappa, a Gioia -la simpatica guida di Ceske (in dolcissima attesa), ai gruppi corali che ci hanno ospitato per il concerto a Borovany, all’infaticabile e indistruttibile Ennio e tutta l’organizzazione della nostra Corale,Dimenticato qualcuno? Sicuro!! Un abbraccio e un grazie allora virtuale a tutti, soprattutto alla MUSICA che ci unisce e ci fa crescere ogni giorno per qualunque strada percorriamo.